esame computerizzato vista

Esame computerizzato della vista

L'esame computerizzato della vista è un test molto in voga da alcuni anni. Lo scopo di questo esame è identificare un eventuale vizio di refrazione (miopia, ipermetropia, astigmatismo). Se un difetto di questi è presente, il test consente di valutarne anche la gravità.

L'esecuzione, automatizzata, prevede l'utilizzo di un particolare strumento elettronico chiamato auto-refrattometro. Al termine, il paziente riceve i risultati stampati.

I limiti di questo dispositivo devono essere tenuti a mente: ci sono diverse condizioni, fisiologiche e non, in grado di rendere meno preciso il risultato. Per esempio, una marcata miosi (con tale termine si intende il restringimento della pupilla), oppure la cataratta. Anche la pseudomiopia, o spasmo di accomodazione della pupilla, può inficiare il test.

L'esame computerizzato della vista offre però alcuni vantaggi. È di rapida esecuzione e può essere svolto presso Ottica Giulia, e fornisce una prima identificazione dei difetti visivi relativamente attendibile.

Spesso viene impiegato per portatori di lenti a contatto oppure occhiali, per verificarne la correttezza. In questo caso, occorrerà effettuare periodicamente un controllo computerizzato della vista.

D'altra parte, la sua efficacia non è tale da poterlo considerare un'alternativa affidabile al controllo soggettivo effettuato da un ottico esperto, tantomeno da un optometrista in sala refrazione.

L'esame computerizzato, insomma, è uno screening visivo che può aiutare a scoprire un difetto visivo, oppure rilevarne il decorso, qualora si sia già instaurato. La diagnosi sarà poi compito di uno specialista.

Gli ultimi post